Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

Veneto: introduzione nuove norme per l’agriturismo

Il Veneto introduce nuove normative per gli agriturismi, con l’obiettivo di valorizzare i prodotti del territorio.
Le strutture agrituristiche, infatti, possono ora offrire prodotti acquistati da altre aziende agricole per il 35% del totale, purché essi siano certificati e di produzione regionale.

Negli ultimi anni la Regione Veneto ha introdotto una normativa unica per le attività connesse al settore agricolo al fine di disciplinare l’ospitalità e la somministrazione di alimenti e bevande.
Per quanto riguarda in modo specifico l’agriturismo, nel 2014 e nel 2015 la Giunta ha unito in un unico testo le diverse disposizioni, al fine di semplificare, coordinare e raccordare gli atti, gli adempimenti e le condizioni che regolano l’esercizio dell’attività agrituristica.

«Ora - spiega l’assessore al turismo - si è ritenuto opportuno intervenire ulteriormente sugli aspetti relativi alle percentuali di approvvigionamento delle materie prime per la somministrazione di pasti, spuntini e bevande, premiando l’utilizzo di prodotti tipici e di qualità provenienti da aziende venete. Due le finalità di questo provvedimento: valorizzare la nostra ricca e pregiata produzione regionale e rendere più agevole l’attività agrituristica e ancor più qualificata la sua offerta».

Per la preparazione dei pasti resta invariato l’obbligo per gli agriturismi veneti di utilizzare non più del 15% del totale di prodotti acquistati dal libero mercato di distribuzione alimentare (negozi, supermercati, ecc.); tuttavia viene aumentata sino al 35% (60% per le aziende in aree montane) la possibilità di utilizzo di prodotti di altre aziende agricole o imprese artigiane alimentari, purché abbiano sede nel territorio regionale e siano prodotti tipici, di piccole produzioni locali (Ppl), biologici, caratterizzati dai marchi Dop, Igp, Igt, Doc e Docg, oppure dal marchio regionale Qualità verificata.

Infine viene considerato prodotto proprio anche quello proveniente da aziende collegate alla propria azienda agricola o da cooperative in cui l’azienda è socia.

 
 
 
 
Agriturist Admin
 
 
 
Le migliori offerte per la tua vacanza

Oltre 1.000 agriturismi in tutta Italia

Abruzzo