Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

Normative e scenari Fiscali


Stabilità 2016: per l’agriturismo l’Irap è ancora dovuta


In questo numero dell’Agripost richiamiamo l’attenzione sull’Irap, l’imposta regionale sulle attività produttive. Tale imposta, istituita dal 1998, ha come presupposto oggettivo lo svolgimento di attività economica autonoma ed organizzata e si applica sul valore della produzione netta. L’imposta regionale sulle attività produttive per le attività agricole è stata soppressa dalla legge di Stabilità 2016. Tale esonero riguarda tutti i soggetti che svolgono attività agricole, classificate nel reddito agrario, indipendentemente dalla loro natura giuridica.
 
Questo significa che l’esclusione opera anche per le società per azioni che, pur non determinando il reddito su base catastale, svolgono le attività agricole che rientrano nella natura di reddito agrario come definito dall’articolo 32 del Tuir
Tale esclusione, inoltre comprende anche le cooperative forestali e le cooperative agricole, che operano a valle delle imprese agricole socie, trasformando o cedendo il prodotto di queste ultime. L’esclusione dall’Irap non opera invece per le attività agricole che non rientrano nel reddito agrario, per l’agriturismo e per le attività connesse di produzione di servizi. In questi casi infatti l’Irap continua ad essere applicata con aliquota pari al 3,9%.
 
 
 
 
Agriturist Admin
 
 
 
Le migliori offerte per la tua vacanza

Oltre 1.000 agriturismi in tutta Italia

Abruzzo