Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

Agriturist Veneto: un vademecum su norme e controlli

 
 
Sono 1.165 gli agriturismi veneti. Agriturist ha realizzato una guida sugli adempimenti burocratici. Il Veronese, con 399 strutture è al primo posto, seguono Treviso (318), Vicenza (236), Padova (213), Venezia (131), Belluno (118) e Rovigo (50). Leonardo Granata presidente Agriturist Veneto ha annunciato il primo vademecum per gli imprenditori del settore, che potranno evitare di incorrere in errori o sanzioni. Redatta con la collaborazione di Confagricoltura Veneto, la guida di una trentina di pagine sarà stampata, distribuita a tutte le aziende dell'associazione e resa disponibile online. Il vademecum contiene un capitolo dedicato ai requisiti per aprire l'attività, compresi quelli relativi agli immobili e agli adempimenti necessari sotto il profilo burocratico. Altre sezioni sono dedicate alle caratteristiche che le strutture devono possedere per l'ospitalità al chiuso e all'aperto, per i servizi di ristorazione e gli spuntini, con gli ultimi aggiornamenti introdotti dalla recente normativa regionale, che ha fissato le nuove percentuali di provenienza dei prodotti. Alcune pagine riguardano anche piscine e centri benessere. Infine, un'ampia appendice approfondisce le competenze e i controlli in materia di agriturismo, passando in rassegna punto per punto i compiti di ogni ente di vigilanza. «La guida consentirà agli operatori di capire come potersi tutelare anche nel caso di visite di funzionari, durante l'attività lavorativa», dice Leonardo Granata, presidente veneto dell'associazione, «E insensato che le aziende ricevano ispezioni a raffica da enti che non sanno uno cosa fa l'altro, spesso sulle medesime cose. La situazione deve cambiare». La soluzione? Applicare il decreto 22 luglio 2015, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale numero 252 del 29 ottobre dal titolo «Istituzione del registro unico dei controlli ispettivi sulle imprese agricole», che azzererebbe la ripetizione delle ispezioni con identica finalità da parte di enti diversi.
 
 
 
 
 
27.04.2017
Agriturist Admin
 
 
 
Le migliori offerte per la tua vacanza

Oltre 1.000 agriturismi in tutta Italia

Abruzzo